Notizie da Reggio Calabria

tre menù per la colazione invernale

0



Dai prodotti da forno ai pancake, dalle spremute alle centrifughe, dai biscotti alle marmellate fino alle creme spalmabili: la colazione può essere sempre diversa e invitante, ricca di frutti e colori, seguendo il ritmo delle stagioni. Parola del nutrizionista. Michelangelo Giampietro, specialista in Scienza dell’Alimentazione e in Medicina dello Sport, in collaborazione con il portale ‘Io Comincio Bene’, ha messo a punto tre proposte di menù per una sana ed equilibrata prima colazione ‘invernale’, in base a tre diverse occasioni di consumo o stili di vita: light, rinforzata o golosa.

“Dovendo affrontare le basse temperature invernali, l’organismo deve essere messo nella condizione di produrre calore per compensare il freddo esterno: occorre attivare la termogenesi. Questo meccanismo ha un costo in termini di energia, che produciamo e recuperiamo mangiando. La mattina ci svegliamo dopo 8 ore di digiuno notturno: da qui, la necessità di consumare una buona prima colazione per riequilibrare le scorte e le perdite di liquidi avvenute di notte, anche semplicemente respirando, e garantire un buon livello di glicemia, cioè della concentrazione di glucosio nel sangue. Chi salta la prima colazione rischia, invece, di andare incontro a ipoglicemia accompagnata da spossatezza, scarsa capacità di concentrazione, sudorazione e mal di testa. Di contro, consumare quotidianamente il primo pasto della giornata allieta anche la psiche: condividere, ad esempio, la colazione con chi amiamo ci aiuta ad affrontare meglio la giornata che ci aspetta”, spiega Giampietro.

Ma cosa è meglio mangiare al mattino in inverno? Secondo l’esperto, “ciascuno può scegliere cosa portare in tavola in base alle proprie preferenze: l’importante è che la prima colazione si faccia tutti i giorni. Ovviamente, in inverno, meglio prediligere bevande calde come il latte, da solo o con i cereali, il…



Fonte www.adnkronos.com 2022-01-31 13:17:10

Leave A Reply