google-site-verification=uWutfzsCgrF3zYaX49GJ0owdoHNdy74RYNoxhQ8ubZc
Notizie da Reggio Calabria

Giornalisti in scena il 6 giugno con una commedia contro mafie – Notizie

0


Da giornalisti a… criminali per
beneficenza. Il prossimo 6 giugno, alle 21, nella villa
comunale, i giornalisti di Crotone tornano in scena per aiutare
la sottosezione dell’Unitalsi. Una data già sold out (i 700
biglietti messi in vendita sono stati venduti in appena una
settimana) per cui è stata prevista una replica per il prossimo
12 giugno sempre alla villa Comunale.

   
Dopo l’esperienza dello scorso anno, quando allestirono la
commedia “È morto il giornalismo, viva i giornalisti”, nella
quale ironizzavano proprio sul loro mestiere, il 6 giugno
debutteranno con “Commedia Kriminale – Santi i gghiesa e diavuli
i casa” nella quale metteranno alla berlina la ‘ndrangheta. La
commedia è stata scritta da Giacinto Carvelli, redattore de il
Quotidiano del Sud, ed è diretta dal regista Rodolfo Calaminici.

   

Lo spettacolo vede coinvolte molte delle firme e dei volti
noti del giornalismo crotonese. La storia parte dalla voglia di
“vendetta” dei santi sui quali gli ‘ndranghetisti svolgono il
cosiddetto battesimo criminale: poi è un susseguirsi di scene
che, tra il serio ed il faceto, tra la denuncia e l’ironia,
evidenziano da una parte la pericolosa infiltrazione della
criminalità nella vita di tutti i giorni e dall’altra mettono in
ridicolo quei valori, come la famiglia, l’onore ed il rispetto,
che la ‘ndrangheta nella sua visione criminale ha svuotato di
significato riempiendoli solo di violenza e soprusi. Così ci
saranno potenti boss che litigano per facezie ed uomini d’onore
che non comandano neppure a casa loro.
“Ci siamo ritrovati come giornalisti – ha detto l’autore
della commedia, Giacinto Carvelli – e abbiamo condiviso di
tornare in scena seguendo le linee principali che hanno
caratterizzato la nostra prima esperienza che si è conclusa con
un inatteso successo: l’impegno civile nel tema da trattare e la
solidarietà nel fine da raggiungere. Così quest’anno abbiamo
deciso di portare in scena il mondo delle mafie, cercando di
smontare i luoghi comuni che vi stanno intorno e soprattutto
metterle alla berlina, che è un modo, in fondo, per
combatterle”.
Il ricavato, o meglio come è scritto nella locandina, “il
bottino della serata”, andrà alla sottosezione dell’Unitalsi di
Crotone per l’acquisto di un nuovo mezzo per il trasporto delle
persone con disabilità. L’anno scorso i giornalisti crotonesi
con la commedia “È morto il giornalismo, viva i giornalisti”
sono riusciti ad aiutare l’associazione Volontari di strada alla
quale hanno donato quasi 9.000 euro per comprare un nuovo camper
con il quale distribuire pasti caldi ai senzatetto ed alle
famiglie in difficoltà della città.

   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA



Fonte www.ansa.it 2024-06-03 12:57:30

Leave A Reply