Notizie da Reggio Calabria

“IL GUSTO DELLA SALUTE”: La Meloncella

0


E’ un prodotto della terra che, da luglio a settembre e soprattutto in Puglia, non può mancare nella lista della spesa, ma è anche l’argomento gustoso e per certi versi inedito della nuova puntata de “Il Gusto della Salute”,

il programma di approfondimento scientifico sulle buone prassi alimentari curato dall’immunologo Mauro Minelli, responsabile per il Sud Italia della Fondazione per la Medicina Personalizzata.

Diversi sono i nomi con cui è conosciuto, per lo più di derivazione dialettale tanto che molti non capiscono bene cos’è, spesso scambiandolo erroneamente per un cetriolo. Meloncella o “minunceddrha”, ma anche “cucumbaro” o “cucumbarazzu” con ciò richiamando le cucurbitacee, ovvero la famiglia botanica d’origine. La specie è sempre la stessa, ma cambiano le caratteristiche a seconda della zona in cui quest’ortaggio viene prodotto. Sta di fatto che l’eterogenea varietà di nomenclature rispecchia la grande diffusione della meloncella ed il suo consumo alimentare ampio e storicamente radicato.

Cucumis melo è il nome scientifico di questa cucurbitacea, proprio come il melone. Si perché la meloncella altro non è se non una particolare tipologia di melone che si consuma acerbo.

In realtà, diverse sono anche le varietà della stessa meloncella reperibili sulle bancarelle dei mercatini rionali. Tra le tante, spicca per diffusione e notorietà, quella a forma allungata, con buccia di colore verde-chiaro alternato a fasce un po’ più scure e con una sottile peluria sulla superficie, per quanto si rinvengano anche altre varianti caratterizzate da differenti sfumature cromatiche, altre screziate, lisce o più rugose.

Si consuma esclusivamente cruda, magari in insalata, per quanto costituisca pure un’ottima merenda rinfrescante nei caldi pomeriggi dell’estate salentina, gustata come fosse un frutto.

Indubbiamente buona, certamente valida per la nutrizione di grandi e bambini, ma… le persone…



Fonte www.adnkronos.com 2022-09-22 07:36:50

Leave A Reply