Notizie da Reggio Calabria

Ucraina, centri accoglienza e raccolta beni in Calabria

0


Continuano in tutta la Calabria le iniziative di solidarietà a favore della popolazione ucraina. Anche «Il Paradiso dei Poveri», l’associazione di Cosenza fondata da Padre Fedele Bisceglia, si mobilita per aiutare il popolo ucraino in guerra. «Non pensavo che si arrivasse alla guerra, ma sono nostri fratelli, non possiamo stare a guardare – dice il religioso all’Agi – e per questo abbiamo deciso di rivolgerci al generoso popolo calabrese». «Raccogliamo indumenti invernali pesanti, coperte, calze, scarponi, non scarpe con i tacchi, e alimenti a lunga conservazione e anche per i piccoli, saponi e materiale per l’igiene, oltre a medicinali», dice Teresa Boero, che si occupa dello stoccaggio del materiale donato. «Lì non hanno niente e fa freddo, sta nevicando – ci dice la volontaria – e appena avremo un carico sostanzioso, questo sarà inviato a Bergamo, dove c’è un gruppo ucraino che lo porterà in Moldavia, l’ultimo punto sicuro dove si può arrivare». Sono diverse le associazioni che hanno fatto rete per questa raccolta, con vari punti a cui rivolgersi per la consegna, in particolare il Paradiso dei Poveri, al Timpone degli Ulivi, e il MOCI, in via Popilia, a Cosenza.
A Chiaravalle Centrale sono stati intanto reperiti i primi novanta posti letto per accogliere i profughi di guerra in fuga dall’Ucraina. Al loro arrivo, le famiglie saranno ospitate sia in strutture pubbliche che in appartamenti ed edifici privati messi a disposizione dai cittadini. Tanti, infatti, i cittadini che hanno aperto le porte delle proprie case alla solidarietà. Dalle parole ai fatti, dunque. La macchina umanitaria messa in moto, in poche ore, dall’amministrazione comunale ha già raggiunto un immediato e importante risultato. Peraltro, il sindaco Domenico Donato, che sta coordinando tutte le fasi organizzative dalla sede municipale di via Castello, è convinto che i numeri dei locali da rendere disponibili siano ancora destinati a crescere. «Riceviamo…



Fonte calabria.gazzettadelsud.it 2022-03-01 11:13:01

Leave A Reply